23 settembre 2010 – Segnalazioni

Annunci

26 luglio 2010 – Segnalazioni

All’ultima goccia…

valter veltroniSiamo alla goccia che fa traboccare il vaso, eravamo abituati a sentir bischerate, ma dire che Craxi «interpre­tò meglio di ogni altro uomo politico come la società italia­na stava cambiando»… mi sembra stia un po’ esagerando! Capisco che aveva davanti tutti craxiani convinti, capisco che l’occasione era la presentazione di un libro sul PSI. Si può capire tutto, ma… non doveva andare in Africa? Mi sa che non lo vogliono neppure lì, e noi ci teniamo tutta questa discarica di “uomini politici” che non sprecano giorno per dire stronzate o per scrivere libri.

Addirittura, esalta Craxi per affossare Berlinguer, Enrico!

Se continua così, la prossima volta che apre bocca, sarà per rivalutare la figura di Mussolini (oh, magari l’ha già fatto e non me ne sono accorto)…

Mah, speriamo sia la vecchiaia…

Obiettivamente… mavava!

Veltroni, quello di Roma che s’è fatto tagliare le gambe per non essere più alto del suo padrone, ha dichiarato che il lodo Alfano, quello appena approvato alla Camera senza che lui e il suo partito abbiano fatto la minima opposizione, è «è obiettivamente una legge per una persona. Se non fosse così il governo avrebbe risposto positivamente all’appello a non avvalersi delle prerogative». Ah Veltro’, mavvaffanxxxo!!

Non era meglio fare opposizione, invece di aspettare che il nano padrone decida di non avvalersi della legge che si è appena fatto? Perché… dai, mica ci credi, vero? Cioè, Babbo Natale non esiste, la Befana neanche e il Cainano non è mai stato quel gentiluomo che hai voluto disegnare (I maligni potrebbero pensare anche che l’hai fatto di proposito…)!

Va beh, “- Si manifesta in autunno. – A che ora?” (Altan)

Perché la realtà è un’altra

Mentre gli autodefinitisi Democratici vanno a congresso con un Veltroni innervosito e ostile al governo, ormai deciso a fare un’opposizione dura, il nano, candidamente, dichiara “non c’è mai stata luna di miele con l’opposizione”. Ora speriamo che il governo ombra smetta di essere l’ombra del governo e cominci a fare qualcosa che assomigli ad un’opposizione. Ma… non mi illudo, li conosciamo da troppo tempo, e poi per fare un’opposizione dura, serve un duro oppositore che non risulta pervenuto in Parlamento.

Comunque, aveva ragione Benigni quando era in sé. Con tutte le volte che il nano giura sui suoi figli sorge il dubbio “di chi sono i figli di Berlusconi?”

E se perdesse?

Se Veltroni perdesse? Ah, no, scusate è diventato un tabù… Ma se perdesse? Non sarebbe giusto che, esattamente come avviene nel resto del mondo, si dimettesse? Hanno presentato un “partito del presidente” esattamente come il PDL, e se il partito perde è il presidente a perdere, a non essere credibile. Logica conseguenza, quello in politica non si fa più vedere. E invece no. Ha già detto che se perde continuerà nel progetto di creazione di un grande partito (di centro, aggiungo io).

Oggi leggo sull’Unità che non si accontenterà del 35%. Eh, lo credo bene, col 35% prende una sonora batosta. Non solo perché perderebbe, ma perché il 35% ce l’avevano DS + Margherita alle ultime elezioni e visto che il progetto era di non fare una mera somma di voti… Considerando poi la presenza anche di Di Pietro, il 35% è veramente poca cosa.