Per quattro centesimi in più

Incremento Alliquota IVAOggi sorpresa alla macchinetta del caffé che, posta nei locali aziendali, ci accompagna nelle varie pause giornaliere.

Un cartello riferisce che i prezzi hanno subito un adeguamento a causa dell’iva. In particolare il costo di un caffé con la chiavetta è passato dal 36 centesimi di euro a 40 centesimi. Quattro centesimi dovuti all’adeguamento iva?

Un collega mi dice che l’iva sui prodotti distribuiti dalle macchinette automatiche è passata dal 4% al 10% (ecco come hanno abolito l’IMU!! Grazie, eh!) e allora ho fatto un po’ di conti.

Il costo di un caffé era di 36 cent col 4% di iva, quindi la componente iva era di 1,38 cent.

Adesso il costo è di 40 cent col 10% di iva, quindi la componente iva è di 3,64 cent. Quindi lo stato, per ogni mio caffé alla macchinetta, si prende adesso 2,25 cent in più.

Ma la differenza è tutta qui? No, perché  la base imponibile da 34,61 cent è salita a 36,36 cent, con un incremento di 1,74 cent, un incremento dell’8%. Non male.

Annunci

Monti a sua insaputa

Dopo tanti a cui han pagato o ristrutturato la casa a loro insaputa, oggi abbiamo colui che ha governato a sua insaputa.

Mario Monti intervistato a SkyTg24Finché è stato al governo ha imbastito nuove tasse (IVIE, Tobin Tax e Tares) e in campagna elettorale promette di rimodulare l’IMU, tagliare un punto di IRPEF e evitare l’aumento dell’IVA.

Mentre governa aumentano i disoccupati e mentre si fa intervistare come candidato premier della coalizione di Casini promette più posti di lavoro.

Ma finora chi è che governava? Monti senza l’appoggio di Monti!?