E alla fine gli tiraron le monetine


Scene già viste quelle che sono occorse questa mattina a Siena di fronte al palazzo di Giustizia quando Giuseppe Mussàri è comparso, accompagnato dai suoi avvocati.

Giuseppe Mussari in procura

Lo hanno insultato e gli hanno lanciato le monetine… fino a quando era presidente di MPS gli stringevano la mano e si fermavano a complimentarsi con lui. E’ triste quando una popolazione si sveglia di colpo da un sonno durato alcuni anni, e si scaglia con così tanta veemenza contro il capro espiatorio prescelto. No, non voglio tessere nessuna difesa per il bel ciuffo (in effetti la capigliatura negli ultimi tempi si è un po’ sciupata, però!), ma di certo non è l’unico che ha responsabilità gravi in questa faccenda.

E mi preoccupa che la gente, soddisfatta da qualche lancio di monetina, si senta poi tranquilla a votare gli stessi personaggi squallidi (magari stavolta con una maschera diversa sulla faccia) che han portato Siena a questo disastro. (Non c’è solo MPS, c’è l’Università, c’è la Asl, c’è il Santa Maria della Scala, c’è il Comune, c’è la Provincia, c’è Ampugnano, tutte storie con un gran bel buco in bilancio) Mi spaventa lo spettro del ’94: dopo lo scandalo di tangentopoli la gente scaricò un po’ di monetine su Craxi e poi andò tranquillamente a votare Berlusconi. Usciti dalla porta, i ladri rientrarono dal portone con tanto di tappeto rosso.

Ora a Siena c’è la possibilità di provare a sbarazzarci di tutta questa marmaglia responsabile di tanti disastri. Il 26 e 27 maggio ci saranno le elezioni amministrative a Siena, mi piacerebbe che la gente cominciasse un po’ a seguire la politica (che non è un’attività spregevole, ma qualcosa di cui tutti dovremmo occuparci attivamente!), stare col fiato sul collo ai vari candidati, partecipare alla stesura dei programmi.

Il nodo senese di Alba (albasiena.blogspot.com) cercherà nei prossimi mesi di organizzare incontri pubblici con i candidati su alcuni dei temi che più ci stanno a cuore, spero di vedere le sale piene di persone interessate ad ascoltare e proporre idee per la città.

2 thoughts on “E alla fine gli tiraron le monetine

  1. Stupisce che i senesi non rovescino dall’alto delle loro finestre caldi pitali, colmi fino all’orlo, su questi personaggi che continuano a passeggiare, sorridenti e benedicenti per le vie del centro.
    Evidentemente tutti sperano, sempre e comunque, di avere il loro tornaconto. Guarda con che calma, ad esempio, i montepaschini accettano il loro destino e i sindacati si mostrano proni, come da decennale copione.

    • Sì, ma non si risolve nulla lanciando monetine o pipì a qualcuno, se poi la gente si fa comandare dalle stesse persone che nel frattempo han cambiato casacca. E’ necessario che la gente impari a prendere parte alle decisioni che la riguardano, a influenzare le decisioni politiche e a controllare giorno dopo giorno l’operato degli amministratori.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...