Leghisti


Il Corriere di Siena, su facebook, ieri, chiedeva:

Bossi è pronto a portare il popolo in piazza, anche Bersani è pronto per farlo. Voi con chi scendete?

Bossi, poche ore prima del verdetto della Corte, aveva detto: «Se la Consulta boccerà il Lodo entreremo in funzione trascinando il popolo»

Dopo una prima risposta scherzosa, visto che la discussione stava assumendo toni seri, ho detto anch’io la mia:

Va beh, mi pare che la cosa venga presa sul serio… Bossi per quello che ha detto in questa occasione, come in tante altre, in un paese normale sarebbe già stato costretto a dimettersi (come minimo!). Parla tanto di secessione e federalismo poi però gli piace sedere sulle poltrone del Parlamento e del Governo Italiano. Come mai?
Aprite gli occhi! Vi sta prendendo soltanto in giro!!

In un secondo intervento, poi tra le altre cose, avevo sostenuto che

E poi, prima di andare con la Lega….io mi impiccherei!

In serata ricevo un messaggio, sempre su facebook, di un tal Maurizio Montigiani, niente-popo’-di-meno-che il “Consigliere Nazionale Lega Nord-Toscana” mi scrive (quale onore….), facendo riferimento ai commenti che avevo pubblicato (non mi interessa se il consigliere non voleva rendere pubblica questa mail, visto che l’ha mandata a me, io posso farne ciò che voglio):

quale sarebbe il senso del tuo ragionamento: le forze politiche che auspicano il federalismo non dovrebbero sedere in Parlamento ancorchè elette? Dovrebbero risquotere solo i parlamentari di sinistra?
Ma che discorsi so’?

Vogliamo lasciar perdere gli errori grammaticali? Ma no, analizziamoli. Magari l’accento di “ancorchè” è facile da sbagliare (nel caso, però,  sarebbe “ancorché”), ma quella q… caro Consigliere, non conosco il tuo (lui mi ha dato del tu!) grado di istruzione, ma mi pare un errore un po’ grave, si scrive “riscuotere”, con la c. Poi il toscanismo di “Ma che discorsi so'” va beh. Comunque un suggerimento ce l’avrei. Passando a Firefox, il browser ha la funzionalità di correttore ortografico, magari la prossima volta, qualche errore in meno.

La mia risposta:

Mi basterebbe un po’ di coerenza, se una forza lotta per disgregare uno stato (visto che parla apertamente di secessione!) no, non dovrebbe concorrere alle elezioni.
Qui non si parla di sinistra o destra, si parla di una forza che è totalmente fuori dalla Costituzione, si parla di un segretario che anche ieri ha promesso che avrebbe portato il popolo in piazza per fare una guerra civile, e questo sarebbe reato!
Che discorsi sono quelli della Lega?!?!
Delle due l’una, o la Lega riconosce la Repubblica una e indivisibile (quindi smette di sbandierare la secessione e smette di bruciare la bandiera italiana, anzi, come dice il segretario, di pulircisi il c..o, e anche questo sarebbe reato) oppure sta fuori dal Parlamento e fa la sua “bella” secessione.
Il problema è che Bossi e compagnia, quando parlano di federalismo, fanno tante chiacchiere e basta, solo chiacchiere e un po’ di ampolle del Po, fine.

Che poi, tanto tanto, i “padani”, ma i toscani che votano Lega, cioè votano una forza che vuole dividere la padania (e la Toscana non fa proprio parte della padania) dall’Italia… che c’azzeccano? Non l’ho mai capito!

Annunci

8 thoughts on “Leghisti

  1. Pingback: Leghisti | IlTuoWeb.Net News

  2. Faccio pubblica ammenda per la “q” in riscuotere, Facebook va lento e mi sembrava di averla corretta, comunque…
    chi legge il tuo intevento non riconoscerà la Lega (il movimento vero, quello attuale) nelle citazioni strumentali che fai.
    Tutti i ministri, giurando, riconoscono la Costituzione, il dovere verso il Paese…
    ed auspicare uno Stato Federalista non significa disgregarlo, anzi.
    Quanto alla Toscana (Nazione Fondatrice dal ’91 della Lega Nord, nata dall’unione delle preesistenti Leghe regionali) elegge da sempre un Parlamentare (l’anno scorso uno anche le Marche). Bene anche l’Umbria, il che spiega come la “padanità” sia un concetto non geografico… sostituiscilo con “laboriosità”, con “tax-payer people”, con quello che vuoi.

  3. Ho fatto “cerca” per parola, ma “secessione” non l’ho trovata in nessuno dei tre articoli; m’è piaciuta invece, parlando di fatti (e non di parole…travistae, per giunta) la chiusura dell’ultimo:
    «Con il nostro governo sono stati arrestati in media otto mafiosi al giorno, Natale e Capodanno compresi. Alla mafia abbiamo sequestrato beni per quattro miliardi e mezzo di euro oltre a 800 milioni in contanti che gireremo alle forze di polizia per operare ancora meglio. Gli sbarchi sono diminuiti del 95 per cento, ma il mio obiettivo è arrivare al 100 per cento. I reati sono ovunque in calo».

    • Troverei strano che Maroni desse dei risultati diversi del suo operato..mai sentito un politico parlare delle sue sconfitte, anche quando le elezioni sono evidentemente contrarie. Per cui che nel tuo virgolettato il ministro dica di aver fatto tutto ciò non vuol dire che quei dati siano reali.
      Quel 95% in meno di sbarchi vuol dire che non ci sono più immigrati via mare, in pratica…sarà vero? Bisognerebbe controllare per esempio i CPT nei luoghi usuali degli sbarchi per confermare un dato del genere, dovrebbero essere vuoti.
      Altro esempio, non so se alle forze di polizia gli andranno veramente quegli 800 milioni, ma forse bastava non tagliare miliardi in Finanziaria.
      Per quanto riguarda le ricerche…bastava leggerli gli articoli. Questo dimostra quanto tu sia fazioso, in malafede e poco incline ad ammettere uno sbaglio!
      Partiamo dall’articolo che ti sta più simpatico (visto che ne riporti un paragrafo), quello del Giornale che comincia con un bel virgolettato: «liberi in uno Stato libero, indipendente e sovrano». Poi più sotto: “Riepilogano i successi al governo e calcano la mano sulle parole d’ordine. Bossi rispolvera il vecchio progetto secessionista”. Ancora più sotto un altro virgolettato: «Saremo liberi, con le buone o con le meno buone»
      Se mi dici che «Saremo liberi, con le buone o con le meno buone» non vuol dire “vogliamo la secessione e siamo disposti anche alla guerra civile per ottenerla”, beh…mi lasci veramente senza parole!
      Il Corriere presenta due virgolettati del gran capo, molto interessanti. Il primo: «un giorno la Padania sarà uno Stato libero, indipendente sovrano»; il secondo: «La Padania sarà libera con le buone o le meno buone»
      Infine Repubblica, «La Padania – dice il Senatur dopo aver versato l’ acqua del Po in Laguna – sarà libera con le buone o con le meno buone, siamo qui a Venezia perché sappiamo che un giorno la Padania sarà uno Stato libero, indipendente e sovrano».
      Quindi tutti e tre gli articoli concordano sul fatto che Bossi abbia detto il 14 settembre 2009 (appena un mese fa!) che vuole uno stato indipendente, libero e sovrano e lo otterrà o con le “buone o le meno buone”.

    • E comunque poi ci sarebbe da parlare dell’aumento della violenza contro gli omosessuali e i clandestini.
      Oppure le morti bianche e tutti gli incidenti sul lavoro e il lavoro nero…
      O anche dell’aumento dell’evasione fiscale/riduzione del gettito fiscale.

  4. EH, infatti, ma tanto voi avete i paraocchi, guardate al massimo ad un palmo dal vostro naso (in realtà guardate ad altre sporgenze, ma lasciamo perdere…). Pensate solo a picchiare gli immigrati che arrivano sulle coste italiane…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...