L’unità della sinistra, serve il dialogo


Il mio personale punto di vista rispetto al commento a queste elezioni espresso da Nichi Vendola su Aprileonline, l’ho espresso in un commento su Il blog Senza Nome.

Ecco qui il commento:

Tutto giusto, o quasi. Manca solo un aspetto: dialogo a sinistra.

L’unità della sinistra è quello che chiede l’elettorato. Un’unità che non sia un tentativo di sommatoria di realtà, ma una nuova realtà, senza tentativi di rendite di posizione, o altro.

Potrei dire che la lista di PRC e PdCI ha vinto la competizione con SL, ma sarebbe una cosa ben fatua. La realtà, invece, credo sia che gli elettori non hanno premiato nessuno dei due, perché le due liste devono ora tentare un percorso difficile: l’unità della sinistra.

Quindi il dialogo tra SL, PRC, PdCI, PCL, SC è necessario, oltre che auspicabile.

Il problema maggiore, secondo me, è il risentimento che c’è tra i vari partiti. Ma più che tra i suoi elettori, proprio nelle dirigenze. Voglio dire che con queste dirigenze sarà molto difficile arrivare ad un’unità. Abbiamo bisogno di volti davvero nuovi.

Annunci

5 thoughts on “L’unità della sinistra, serve il dialogo

  1. Sono d’accordo, ma è impossibile, fino a quando delle teste di * che sono in politica da millenni devono farsi da parte!
    Solo all’interno del PD, c’è metà della gente che dovrebbe andarsene, secondo me.
    Molti all’interno del PD dicono che c’è bisogno di gente nuova..Molti di quelli che lo dicono però sono quelli che dovrebbero andarsene. Ma non lo faranno mai 😦

    E continuerà sempre ad esserci lotta per il potere all’interno del PD, che non farà altro che portare male e basta.

    E comunque sì, non è possibile che ci siano 8 partiti o quasi di sinistra, oltre ai grillini XD
    Uno basta e avanza…

    • Forse… bisognerebbe fregarsene di quelli e organizzarci da noi, magari sul web. Solo che altre iniziative, come è stato anche l’appello dei Comunisti Uniti di un anno fa, non riescono ad avere un seguito.
      Ogni volta che subiamo una sonora batosta diciamo (tutta la sinistra, intendo) che dobbiamo ricominciare, che dobbiamo farlo partendo dalla gente… e poi, però, passa il momento di malessere per la sconfitta subita e torniamo ad aspettare che siano i partiti a fare qualcosa e le dirigenze, spontaneamente, a farsi da parte… o forse succede solo a me, non so.

      • ci sarebbero già i grillini, ma il problema è che queste cose che partono da noi, non funzioneranno mai finchè berlusconi potrà controllare la gran pare dei media.

        E poi il problema è che tra la gente normale, quella che magari potrebbe anche essersi stufata di berlusconi e gli altri, il “comunismo”, anche moderato, non è diventato altro che un insulto.
        “Grazie” a berlusconi, il comunismo qua in italia sta prendendo il valore negativo che ha in america, mi sa..
        Certa gente, pensando ai comunisti, pensa solo a dei vecchi idealisti con la testa fra le nuvole che sperano in 2-3 cavolate, che vogliono che tutto sia statale eccetera..
        Non capiscono che russia, cina e comunismo sono 3 cose diversissime tra loro..

        Comunque, sai cos’altro manda alla sinistra? I giovani! Continuano ad esserci i soliti comunisti settantaduenni, ma ai giovani viene lasciato molto spazio.. Secondo me, uno dei motivi per cui ultimamente la Lega frega tanti voti al PdL e ad altri: è piena di giovani!

        Ad ogni modo, sbaglio io a rassegnarmi così 😉
        Bisognerebbe davvero fare qualcosa! Ma cosa?!
        Vai alle sedi del PD e dei partiti di sinistra a lamentarti? Non credo che ti ascoltino..
        Però su internet si potrebbe fare qualcosa, intanto.
        Se tu hai delle idee, io son qui XD

        ps: scusa per il romanzo XD

      • Eh, idee… magari… Cioè, qualcuna l’avrei, ma mi sa che non si possono raccontare troppo in giro…
        Un modo un po’ lungo sarebbe quello di sacrificarci tutti noi di sinistra e fidanzarci/sposarci con gente di destra e cominciare ad acculturarli e tirar su figli di sinistra… 3/4 generazioni e poi… 😉
        E poi, ovviamente, è necessario raggiungere i ruoli chiave della società italiana…
        Sembra solo una cazzata, ma…
        Loro hanno le televisioni, noi dovremmo avere la famiglia (in senso allargato, cioé una rete di relazioni interpersonali, che funzionino come rete sociale), la cultura.

  2. ehm, ho fatto un errorino..XD

    “Sono d’accordo, ma è impossibile, fino a quando delle teste di * che sono in politica da millenni *non capiranno che* devono farsi da parte!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...