Erano 45, erano democratici


I 45 grandi del PD hanno votato ieri il regolamento per le primarie del 14 ottobre. Saranno votati i segretari regionali, l’assemblea costituente e il segretario. Le donne hanno conquistato le quote rose al 50% (evidentemente, però, non la dignità politica).

Gli elettori potranno scegliere tra più candidati alla segreteria (vedremo se ci saranno vere candidature alternative) e tra più liste, peccato che saranno collegate al candidato alla segreteria. Quindi, è molto probabile la presenza nelle schede di molte liste diverse, ognuna rappresentativa di una corrente, ma tutte in appoggio allo stesso (candidato) segretario.

Peccato, questo regolamento dimostra quanto di poco, oltre al nome, ci sia di democratico nel futuro partito. Ancora decisioni prese dall’alto, ancora indifferenza completa per ciò che il proprio elettorato chiede, ancora autoreferenzialità. Visto questo regolamento è facile immaginare che della legge elettorale sarà salvata sicuramente l’assenza delle preferenze.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...